Sogno di una Sera di Fine Estate.

Dopo che tutti, o quasi, i festeggiamenti estivi sono passati, la voglia di trascorrere una serata gradevole, fra amici, a godere di bellezza e, perché no, anche di un po’ di Cultura, ancora non si è esaurita. Per fortuna in Valmarecchia ancora, sono molti i borghi che presentano eventi, piccoli e grandi, che regalano emozioni e momenti davvero piacevoli.

Fra questi, uno fra i più attivi da sempre è Verucchio, che nei suoi eventi di fine estate ha presentato “Amor che move il Sol e le altre Stelle”, una celebrazione relativa ai 700 anni dalla morte del Divin Poeta, creata dalle Associazioni “Ponte dei Miracoli” e “Fontana Viva”, che ha regalato due ore circa di musica, canto, balletto, e tante leggerissime emozioni.

In una cornice mozzafiato, di un Borgo Medievale, uno fra i più belli d’Italia, circondato da panoramici unici, belli da togliere il fiato, dove una magnifica Rocca Malatestiana domina sui tetti sonnecchianti, guardando dritto negli occhi la dirimpettaia ottocentesca Collegiata, con la luna piena a sovraintendere a questa cartolina, come un nastro leggero, attori, cantanti, musicisti, hanno attraversato piazze e salito scalinate, fino ad arrivare su, accompagnati dal pubblico, nelle braccia della Rocca.

La bella voce di Daniele Biondi, voce narrante, che fa’ da traghettatore e da “trait-d’union” fra i vari quadri che ripercorrono la Commedia, le belle voci dei solisti Giovanni Contarini, Francesco Chiantera e Francesca Bagli, fanno sognare il pubblico, e i quadri leggeri dei balletti della Scuola “Tilt”, con le coreografie di Sonia Ferlini, rapiscono lo sguardo e lo fanno volare. La regista Sonia Lazzari, con la collaborazione del marito Valerio Squadrani, ha saputo cesellare, insieme a questo magnifico gruppo di amici, uno spettacolo unico, che rimarrà sicuramente negli occhi di tutti coloro che erano presenti.

Un bellissimo tramonto estivo, di quelli che scaldano il cuore con i suoi colori ambrati, ha lasciato poi il posto ad un cielo sereno dominato da un caldo plenilunio, sotto il quale note di cornamusa, suonate da Enzo Gobbi e note d’arpa gotica suonata da Nicola Matteini, hanno accompagnato i passi, e le emozioni, di un folto gruppo di pubblico, che circondato da un silenzioso panorama, fatto di luci calde che arrivavano da mare e dalle fresche ombre dell’entroterra, hanno festeggiato la conclusione dell’evento, con un caloroso e lungo applauso alla compagnia.

Ovviamente un ringraziamento va’ all’amministrazione comunale che ha creduto nel progetto, e che ha permesso questo momento di cultura, inserendolo in un calendario, che si è svolto nel Borgo Malatestiano e nel suo territorio, durante i mesi estivi e che, come tutti gli anni ha regalato serenità e bellezza, cultura e leggerezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...