Antichi Fontanili: La Fontona

Veder celebrare l’importanza sociale e storica dei vecchi fontanili, credo che le nuove generazioni non possano capire che effetto possa fare, su persone della mia età o più grandi, su cosa e quali emozioni possa provocare.

Qualche decennio fà, in tutti i borgi e villaggi dell’entroterra, ma non solo, un ruolo importantissimo veniva infatti ricoperto dai fontanili, che ogni gruppo di case aveva accanto, punto di ritrovo per le massaie che andavano a lavare i panni nell’era prelavatrici, andavano a prendere l’acqua per la casa, perchè in molti posti l’acqua corrente in casa ancora non c’era, gli uomini facevano passare di li il bestiame da abbeverare, e la gioventù vi si ritrovava a fare “due chiacchiere”, accompagnando madri, nonne, zie, e dove potevano ascoltare si, i pettegolezzi, ma anche le storie da tramandare, gli insegnamenti delle generazioni che venivano portati avanti, fra un lenzuolo da lavare, e una brocca da riempire.

Nel primo sabato del prossimo mese di Agosto, a Schigno di Casteldelci, grazie al libro di Marisa Silvestri, chi vorrà partecipare, avrà l’occasione di fare un tuffo nel passato, in un periodo storico genuino, magari povero, ma sicuramente ricco di umanità e rispetto. Oltre alla presentazione del Libro “La Fontona”, si potrà godere degli interventi di Luca Cesari, direttore dell’Accademia Belle Arti di Urbino, e del Prof. Roberto Monacchi, illustre storico del Montefeltro, che illustreranno l’architettura e l’importanza sociale che hanno avuto appunto i fontanili. Ci saranno anche Paola Cosolo Marangon, psicoterapeuta del CPP, nonchè insegnante di Yoga, e il gruppo musicale de “L’uva Grisa”, che accompagneranno le letture di Domenico Bartoli.

L’evento, che si terra nella piazzetta antestante la Chiesa di San Biagio, è stata organizzata grazie al Patrocinio del Comune di Casteldelci, dell’Associazione Culturale Firmalampen, della Casa Editrice AIEP Editore, e di Edizioni del Festival-Collana dei Miti e delle Cose, e alla fine della presentazione, proporrà un gustoso apericena su prenotazione.

Insomma, avete capito, per sabato 07 Agosto, non dovete prendere impegni, e recarvi a Schigno di Casteldelci, e celebrare con noi, un pezzo di Storia e Cultura dell’Italia contadina e rurale, che sarebbe bello non dimenticare.

Per ulteriori informazioni scrivere a turismietesori@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...