Valmarecchia: Terra di DONNE.

LA “BELLA” A PETRELLA GUIDI

Nel corso dei secoli, la Valmarecchia, ha visto nella sua lunga storia, l’ascesa e l’affermazione di molti personaggi maschili, Poeti, Condottieri, Santi, Politici, Artisti delle varie Arti, ma questi, non sono stati i soli a legare il proprio nome alla valle: Dal Medioevo al Rinascimento, fino ai tempi più vicini a noi, donne valorose, di cultura, di religione, si sono distinte e sono salite agli onori delle cronache. Mogli di valorosi condottieri, come la riminese Isotta degli Atti, sposa di Pandolfo Malatesta, alla quale si racconta sia dedicato il Tempo Malatestiano a Rimini, donne di arte e cultura, come Alessandra Drudi, originaria del Ravennate, conosciuta meglio con lo pseudonimo di Gea della Garisenda, nome datole dal Dannunzio, famosa cantante lirica, salita alla ribalta per la canzone “A Tripoli” (conosciuta meglio come”Tripoli, bel suol d’Amore”), vissuta a Verucchio, o spose infelici, come Fanina dei Borboni di Francia, sposa ad Capitano dei Dalla Carpegna, impazzita per la solitudine, alla quale Tonino Guerra ha dedicato un tappeto, nel suo Giardino Pietrificato, sotto la Torre di Bascio, donne morte tragicamente, come la giovane Guendalina, figlia di Ugolinuccio da Montebello, conosciuta con il nome di Azzurrina, fanciulla albina che, dopo esser deceduta inseguendo una palla di pezza, lungo le scale del castello, ora si aggira senza pace, fra le sue stanze.

ISOTTA DEGLI ATTI
GEA DELLA GARISENDA
AZZURRINA

Seppur non nativa della Valmarecchia, negli ultimi anni, grazie a scoperte delle “Cacciatrici di Paesaggi” (Rosetta Borchia e Olivia Nesci), un’altra donna che porta con se la nostra valle è la Monna Lisa, la Gioconda, si esatto, il capolavoro di Leonardo da Vinci, la donna con il sorriso piu’ enigmatico dell’Arte. Le due studiose infatti, hanno fatto risalire il paesaggio sullo sfondo del celebre quadro, a parti dei panorami della Valmarecchia, valle che il genio fiorentino conosceva bene, e che percorreva nei suoi molteplici viaggi da Firenze a Rimini. A lei in Valmarecchia sono dedicati dei “Balconi Panoramici” che guardano su quelli che sono gli elementi paesaggistici del celebre quadro (ma anche ad altri celebri quadri di un grande pittore rinascimentale, qual’è Piero della Francesca)

LA ROCCA DI MAIOLETTO E LA GIOCONDA

Se vuoi ricevere gratuitamente altre informazioni scrivici a turismietesori@gmail.com e saremo lieti di farti conoscere meglio la Valmarecchia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...